Chiama il numero verde

Dall'Italia
800 150 150

Dall'estero
+39 051.6174267

Area scientifica

PREVENZIONE E SOLUZIONI

PRPHT: ultima frontiera contro la caduta

L'acronimo PRPHT sta per "Platelet Rich Plasma Hair Therapy". Si tratta di una tecnica medica curativa che rientra nel campo della "medicina rigenerativa" che si fonda sul principio secondo il quale le cellule staminali che è stato dimostrato essere presenti nel bulbo del capello sono dotate di recettori per i fattori di crescita.
Il concentrato di piastrine ricco di fattori di crescita viene iniettato con aghi sottilissimi nel cuoio capelluto e poi si procede ad un massaggio che ne favorisca la distribuzione. Il paziente può tornare alla vita normale dopo poche ore. La ricrescita comincia a comparire dopo 2-4 mesi dalla prima seduta e raggiunge il culmine dopo circa sei mesi. In genere poi si eseguono delle sedute di richiamo tre-quattro volte all'anno a secondo della gravità del caso.
Questo protocollo clinico è innovativo nel campo della cura della calvizie mentre il PRP viene già utilizzato da diversi anni in chirurgia ortopedica, maxillo-facciale, odontostomatologia, oculistica e nella terapia delle ulcere croniche, in campo di medicina estetica per la biorivitalizzazione e ringiovanimento cutaneo e come stimolazione delle cellule staminali del grasso nel lipofilling autologo.
Noi possiamo così sfruttare il complicatissimo sistema dei fattori di crescita in grado di risanare qualsiasi lesione di molti organi del corpo. Ogni organo è controllato da specifici fattori di crescita (Growth Factors),e quelli della pelle sono IGF-1, l'FGH, il VEGH.
Le piastrine sono cellule del corpo che circolano nel sangue e sono attive nel processo di coagulazione del sangue in caso di ferite e sanguinamento.In realtà sono tra le prime cellule ad innescare il processo di riparazione e di ricrescita delle cellule danneggiate; appena un tessuto viene danneggiato arrivano le piastrine "attivate" da vari fattori chimici naturali (processi infiammatori, citochine, macrofagi ecc.) e stimolano le cellule a "ripararsi".
Sia dopo il trapianto dei capelli, o sia con l'iniezione di PRP direttamente nel cuoio capelluto con calvizie, abbiamo la possibilità di stimolare il bulbo con una sostanza autologa ricca di fattori di crescita. Essendo il PRP una sostanza naturale e di derivazione dallo stesso paziente, non esistono effetti collaterali quali possibili allergie o intolleranze. E' privo di tossicità, stimola i processi bioriparativi e rigenerativi. Stimola l'angiogenesi e la rivascolarizzazione dei tessuti. Stimola la proliferazione delle cellule mesenchimali in particolare delle cellule staminali mesenchimali adulte. Stimola la formazione del collagene. Il PRP è quindi una fonte di Fattori di Crescita che derivano dai granuli delle piastrine del paziente stesso.
Il PRP si ottiene concentrando le piastrine autologhe del paziente stesso :si preleva una piccola quantità di sangue (in genere 20cc.) raccogliendolo in provette sterili monouso ad aspirazione con anticoagulante. Le provette vengono centrifugate per alcuni minuti ad un numero di giri ben determinato. 

Centrifuga
Provetta

Il sangue non viene a contatto con l'ambiente, con l'operatore e tanto meno con lo strumento. Al termine della centrifugazione i campioni si presentano in due fasi: nella parte inferiore sedimentano i globuli rossi e i bianchi. Nella superiore si trova il plasma e le piastrine con i fattori di crescita. Si aspira con speciali pipette il PRP e si aggiunge un attivatore chimico che degranula le piastrine favorendo la fuoriuscita dei fattori di crescita. Il PRP preparato può così essere iniettato con una siringa sterile nel cuoio capelluto.
Le operazioni devono essere consecutive perchè le piastrine hanno vita breve. Il sangue è quello del soggetto da trattare. La preparazione, che dura circa 45 minuti, viene eseguita da personale specializzato Patologo-clinico o Ematologo. Questo trattamento è quindi privo di rischio. La centrifugazione non altera le cellule ematiche ma serve solo per separarle. Non ci sono contaminazioni se tutto il procedimento eseguito dal personale idoneo viene effettuato in ambiente dedicato.

Per quanto riguarda i risultati nella cura della calvizie , i fattori di crescita  stimolano le cellule del bulbo (della papilla dermica,della matrice, dei melanociti) a mantenere la fase attiva Anagen, a produrre il fusto dei capelli, a ridurre i processi infiammatori cutanei, a ridurre la morte cellulare. In più la concentrazione estremamente potente dei fattori di crescita naturali è in grado di stimolare le cellule staminali dei bulbi ancora presenti a dare origine di nuovo ad un bulbo pilifero. Quindi nella alopecia androgenetica può far ricrescere un numero di capelli (ovviamente non definibile a priori) soprattutto negli stadi iniziali della patologia (soprattutto dal I al IV grado della scala Hamilton, e dal I e II grado della scala Ludwig) .
Secondo la letteratura scientifica la ricrescita si manifesta nel 60-70% dei casi in modo significativo. Si effettuano mediamente 2-4 sedute distanziate tre mesi una dall'altra; nella alopecia areata può rappresentare la tecnica più importante di trattamento con percentuali di ricrescita dei capelli nelle chiazze attive. Nell'alopecia cicatriziale può svolgere un importante effetto di controllo del processo infiammatorio e di riduzione della progressione della morte dei bulbi attivi,soprattutto nelle forme iniziali. Qualora esistano nel derma delle cellule staminali bulbari residue,queste possono essere stimolate.
La terapia con PRP può essere considerata una delle tecniche più avanzate e efficaci di terapia in campo tricologico, il successo terapeutico dipende comunque dal tipo di patologia, da varie situazioni concomitanti,dalla presenza o no di cellule staminali attivabili. Le teorie più avanzate ormai prevedono di abbinare un trattamento con PRP prima, durante o dopo l'intervento di microautotrapianto per ottenere:
-un più veloce attecchimento dei bulbi trapiantati
-un aumento della percentuale attecchimento dei bulbi
-la stimolazione alla crescita dei bulbi silenti
-la guarigione più veloce della cute del cuoio capelluto sottoposta a trapianto dei capelli.

Caso clinico: Pre e post PRP

Collaborazione scientifica del prof. Marco Toscani e del dott. Pasquale Fino, Cattedra di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica, Policlinico Umberto I – Università "Sapienza" di Roma.

INFORMATIVA SULLA PRIVACY

In relazione all'informativa di cui al decreto legge nr. 196/2003, esprimo/esprimiamo il consenso al trattamento dei miei/nostri dati personali da parte della Vostra società, per le finalità connesse all'attività di impresa. In nessun caso i dati dovranno essere ceduti a altri per utilizzi diversi da quelli inerente il rapporto con Cesare Ragazzi Laboratories e Layout Advertising Group. Esprimo/esprimiamo, inoltre, il consenso affinché il trattamento dei miei/nostri dati personali possa avvenire anche con modalità elettroniche e/o automatizzate idonee a collegare i dati stessi anche a quelli di altri soggetti, in base a criteri qualitativi, quantitativi e temporali, ricorrenti o definibili di volta in volta. Esprimo/esprimiamo altresì il consenso al trattamento dei miei/nostri dati personali da parte di società, enti o consorzi che Vi forniscano specifici servizi elaborativi ovvero svolgano attività funzionali a quella della Vostra società, nonché ai soggetti ai quali la facoltà di accedere ai miei/nostri dati personali sia riconosciuta da disposizioni di legge o di normativa secondaria o comunitaria.

Questo sito utilizza cookie, per saperne di più clicca qui. Cliccando su ok accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.