Home - Cute e capelli - Alopecie - Non cicatriziali - Alopecia areata
Cute e capelli
Alopecia areata
L'alopecia areata è una malattia molto frequente, nei confronti della quale esiste una predisposizione genetica.

Quali sono le sue cause?
La causa dell'alopecia areata è sconosciuta. Tuttavia, si ritiene che un fattore causale, non ancora individuato, possa scatenare, in soggetti predisposti, una risposta autoimmunitaria nei confronti dei follicoli piliferi. I follicoli piliferi colpiti abbreviano la fase anagen ed entrano prematuramente in fase di riposo.

Come si presenta?
L'alopecia areata ha caratteristicamente un esordio acuto. Il soggetto che ne è affetto si accorge della comparsa improvvisa di una o più chiazze, di forma circolare o ovalare, completamente prive di peli. Generalmente la cute presenta un colorito normale; solo in alcuni casi può mostrare un modesto eritema.
Nella fase cronica della malattia la cute appare liscia e untuosa. Il segno caratteristico dell'alopecia areata è rappresentato dai peli "a punto esclamativo". Si tratta di peli corti, tronchi a circa 3 mm dall'ostio follicolare, con diametro e colore che si riducono progressivamente, localizzati ai margini delle chiazze formatesi di recente e destinati a cadere in pochi giorni.

Quali zone possono essere coinvolte dall'alopecia areata?
Le chiazze sono più frequentemente osservabili a livello del cuoio capelluto e della barba. Altre sedi meno frequentemente interessate dall'alopecia areata sono: le ciglia, le sopracciglia o altre parti del corpo. A livello del cuoio capelluto la zona più colpita è la regione parietale.
L'alopecia areata può essere distinta in:
Alopecia areata (AA) in chiazze singole o multiple;
Alopecia totale (AT): alopecia areata che coinvolge tutto il cuoio capelluto;
Alopecia universale (AU): alopecia areata che interessa tutti i peli del corpo.
I capelli bianchi sono spesso risparmiati dalla malattia, che, infatti, predilige i soggetti con i capelli scuri più dei biondi o dei rossi.
Questo spiega come soggetti con capelli brizzolati, quando colpiti da alopecia areata a esordio acuto, si ritrovino improvvisamente con tutti i capelli bianchi.
I capelli, quando ricrescono, sono spesso inizialmente bianchi o di un colore più chiaro di quello originale. Una ciocca bianca può persistere anche per anni dopo la guarigione della malattia.

Qual è l'evoluzione dell'alopecia arata nel tempo?
L'andamento evolutivo dell'alopecia areata è imprevedibile e variabile da soggetto a soggetto. Esso è condizionato da alcuni fattori, quali l'età d'insorgenza, la familiarità, la superficie corporea coinvolta, la durata e la risposta a precedenti trattamenti. Nella maggior parte dei pazienti i capelli ricrescono spontaneamente, ma talora le recidive sono più gravi dell'episodio iniziale. A volte, mentre i capelli ricrescono a livello di una chiazza, nuove chiazze si formano in altre sedi.