Home - Cute e capelli - Alopecie - Non cicatriziali - Alopecia da trazione
Cute e capelli
Alopecia da trazione e da traumi meccanici
Mentre un trauma grave di solito origina un'alopecia cicatriziale, traumi di minor entità possono produrre un'alopecia non cicatriziale e quindi reversibile. La tricotillomania è un'alopecia da trazione provocata dall'azione traumatica che il soggetto infligge a se stesso. Le età più colpite sono l'infanzia e l'adolescenza con una prevalenza per il sesso femminile. L'azione traumatica si esercita arrotolando i propri capelli attorno a un dito e facendo poi trazione su di essi. Questo comportamento è all'inizio inconscio e saltuario, ma in seguito si verifica per periodi sempre più lunghi e frequenti. Il risultato è una o più chiazze di alopecia, di forma irregolare e bizzarra. In queste chiazze i capelli sono spezzati a diverse altezze, ma sono di colore e struttura normale così come è normale il cuoio capelluto. I capelli inoltre non si distaccano facilmente. Le aree più colpite sono le regioni fronto-parietali, ma anche altre zone del cuoio capelluto possono essere coinvolte.

Le alopecie da traumi meccanici sono in genere legate a manipolazioni traumatiche che avvengono durante l'acconciatura dei capelli. Rotture dei capelli con diradamento possono verificarsi nelle chiome troppo acconciate o che subiscono trattamenti eccessivi con spazzole, specie se provviste di setole sintetiche a punte poco smussate. Un'alopecia dei margini d'impianto dei capelli (alopecia marginale) può insorgere nelle regioni temporali a seguito di trazioni eccessive applicate ai capelli ricci per renderli lisci o per acconciature a "coda di cavallo". Perfino l'applicazione troppo frequente di bigodini può essere causa di chiazze alopeciche al cui interno si può trovare qualche capello spezzato. Anche l'uso di intrecciare strettamente i capelli tra loro o intorno a oggetti vari e disporre variamente le treccine che ne derivano per motivi estetici può causare alopecia soprattutto frontoparietale.

In molti traumi chimici sono usate sostanze chimiche che contribuiscono ad alterare la struttura del capello rendendolo più vulnerabile a successive azioni traumatiche. In questo ambito rientra l'alopecia che si può creare per l'abuso di "permanenti", specie tra gli afro-americani che con questa tecnica "stirano" i capelli crespi. Il trauma chimico è accelerato inoltre da agenti ambientali, incluse la luce solare e l'acqua clorata. Non tutti i soggetti reagiscono allo stesso modo di fronte agli insulti e alle manipolazioni traumatiche. Esistono, infatti, differenze genetiche e razziali nello spessore del capello e quindi nella resistenza ai traumi e, ovviamente, i capelli più sottili sono danneggiati più facilmente. In tal senso l'alopecia da trazione si sviluppa più facilmente nei soggetti con tendenza all'alopecia androgenetica in cui il capello subisce un'involuzione progressiva da pelo terminale a pelo folletto. Nella maggior parte dei casi, le alopecie da traumi chimici sono processi reversibili a patto che il danno venga sospeso. Se il trauma continua a prolungarsi la situazione può evolvere verso un'alopecia cicatriziale.